Apre a Padova il laboratorio contro disinformazione e fake news

L’alleanza fra l’Università di Padova e la FNSI, il sindacato unitario dei giornalisti italiani, da oggi è realtà, firmato il protocollo di intesa tra univesità e FNSI (Federazione nazionale della stampa italiana).

Il Rettore Rosario Rizzuto e il Segretario generale Raffaele Lorusso, hanno firmato il protocollo che di fatto, dà avvio all’impegno condiviso di mettere in pratica un percorso formativo multidisciplinare, per contrastare la disinformazione e le fake news; fornendo strumenti pratici a giornalisti e studenti, quindi ai cittadini, per costruire un pensiero critico che è la base sia per un buon giornalismo che per una cittadinanza consapevole.

“Siamo l’università della libertà”, il motto dell’università, per garantire a tutti il diritto allo studio, all’istruzione e di conseguenza all’informazione sancito dalla Costituzione, la stampa si prende il medesimo impegno e questo non può che farci piacere.

Il laboratorio contro le fake news, sarà strumento per arginare la deriva imposta dalla falsa credenza che l’iperconnettività possa fare a meno delle competenze, quelle del giornalista, quelle del medico, quelle del docente, quelle dell’avvocato, l’uso distorto degli algoritmi che crea comunità chiuse e che crescono in un contesto autoreferenziale spesso su e con notizie false, alimenta il pregiudizio, l’odio, il rifiuto del confronto con chi la pensa in maniera diversa da te, per questo motivo è fondamentale insegnare a i meccanismi con cui le si producono, si diffondono e attecchiscono.

La professoressa Laura Nota, delegata del Rettore in materia di inclusione e disabilità, ha ribadito l’importanza e la responsabilità di formare una coscienza critica, con questo protocollo, si leva una nuova voce che coniuga la conoscenza scientifica e quella esperenziale; le azioni formative che verranno proposte saranno diverse, dal corso di Alta formazione con laboratori multidisciplinari, ai seminari”.

La parte più difficile e anche più avvincente sta nel coinvolgere gli attori principali cui ci rivolgiamo, appunto i giornalisti, ma anche i docenti che mettono a confronto le rispettive competenze-esperienze per una ricaduta concreta nella pratica quotidiana, concludendo Monica Andolfatto, segretaria regionale di Sgv, ha ricordato il contributo prezioso e sostanziale dato dai colleghi Enrico Ferri, Roberto Reale, Massimo Zennaro, con il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti.

Condividi!